Gruppo Castionese

Data Costituzione: 1968
Forza del gruppo al 31/12/2013: Alpini 208 - Aggregati 44
Forza del gruppo al 31/12/2014: Alpini 203 - Aggregati 45
Forza del gruppo al 31/12/2015: Alpini 195 - Aggregati 46
Forza del gruppo al 31/12/2016: Alpini 190 - Aggregati 43
Forza del gruppo al 31/12/2017: Alpini 192 - Aggregati 41 

Capogruppo in carica
Cibien Stefano - Via I Maggio, 11- 32100 Castion 

Notizie storiche dal Gruppo
Tra il primo e il secondo conflitto mondiale, dalle cronache del nostro giornale nazionale “L’Alpino” e precisamente del 15 maggio 1932 si rileva la fonda­zione del Gruppo Castionese e cioè dell’Altipiano di Castion, alla guida del quale viene nominato il cap. Rinaldo Doglioni. Dalla cronaca relativa all’assemblea della Sezione di Belluno, tenuta il 4 marzo 1937, il Gruppo diventa “Bogo”, probabilmente intitolato ad un martire fascista o a un decorato della Grande Guerra, comandante di quel Plotone sempre Rinaldo Doglioni.

Poi scoppia la guerra nel 1940 e il gruppo segue le sorti di tutti gli altri della Sezione. Precisiamo che nel dopo guerra Castion ebbe un periodo, come tanti altri paesi della provincia, di assestamento e di ricostru­zione anche morale, perché la zona era stata duramente colpita dalle rappresaglie. I soci eventuali erano iscritti direttamente alla Sezione di via Carrera a Belluno.

Il Gruppo Castionese è stato fondato nel settembre 1968 e comprende gli alpini dell’altopiano di Castion.
Primo Capo Gruppo venne nominato Lodovico Smali, il quale rimase in carica fino al 1977; gli succedette Beniamino Viel fino al 1980, dal 1981 al 1997 lo diresse Duilio Candeago, socio fondatore e colonna storico/portante del Gruppo, che all’atto di passare la mano per raggiunti limiti d’età, è stato nominato plebiscita­riamente Capo Gruppo Onorario. Nel 1998 è nominato Celeste Balcon.

Nel 1972 fu eretto il monumento all’Alpino, a ricordo dei Caduti in guerra, opera dello scultore alpino Franco Fiabane. Monumento che fa bella mostra nelle adiacenze dell’Asilo parrocchiale di Castion. Le penne nere celebrarono, con solenne cerimonia, nel 1972 il Centenario delle Truppe Alpine, con lo scoprimen­to del monumento. Il 13 luglio 1975 venne inaugurata la sede del Gruppo, sita nei locali dell’ex G.I.L.
Due gemellaggi hanno caratterizzato la vita associativa del Gruppo: quello con gli alpini della Val Lapisina (Vittorio Veneto) nel 1978 e con i marinai di Caorle (Venezia) nel 1981.

Dal 1980 ininterrottamente il Gruppo organizza una festa scarpona estiva alla pineta del Nevegal. In occasione del terremoto del Friuli (1976) un camion di indumenti e medicinali partì da Castion per Pianzano e Travesio, con consegna diretta di quegli aiuti.

Nel 1993 si è celebrato il 25° anniversario della costituzione con stampa di un opuscolo che ne ricorda la storia.
Grande considerazione ha avuto nella comunità castionese l’intervento, richiesto dal parroco di Castion, per la sistemazione del sagrato della Chiesa parrocchiale nel settembre 1999, con impegno di una trentina di soci alpini. Il Gruppo ha voluto lasciare un suo segno sul Visentin, dove nell’anno 1994 era stato eretto un sacello alla Madonna a quota 1700 e dove nell’anno 2000 è stata sostituita la statua in onore della Vergine, opera del socio alpino Gianfranco Canal. La località è stata battezzata “Cresta della Madonna”, dal vice capo Gruppo Renato De Menech.
Grande è stata la solidarietà per la costituzione di una squadra di protezione civile, concretizzatasi all’inizio dell’anno 1999 e che l’anno successivo contava 25 volontari, compresi i soci aggregati, unica fonte cui attingere stanti le risapute vicende che hanno portato alla soppressione della leva.

Gli alpini castionesi, più che decantare il passato, mirano al futuro. Futuro che si chiama “propria sede o, meglio, casa degli Alpini”.

Tale casa, oltre che per le attività proprie e della squadra di protezione civile, negli intendimenti del Consiglio potrebbe essere adibita per riunioni, incontri e manifestazioni culturali a favore di enti ed associazioni del castionese, privi di idonea struttura.

Interventi promossi a livello Nazionale, Sezionale e di Nucleo Protezione Civile:
  • 1992/93 Rossosch Russia: “Operazione sorriso” costruzione di un asilo;
  • 1999 Albania: “Operazione Arcobaleno”;
  • 1999/2000: “Operazione banco alimentare”
  • 2000 Feltre Strada Claudia Augusta Altinate, esercitazione regionale
  • 2000 Valle d’Aosta, soccorso alle popolazioni colpite da alluvioni e frane, Alpago intervento per alluvioni e frane, Sarajevo (Bosnia) costruzione scuola elementare.  
     
Stampa Gruppo CastioneseInvia a un amico Gruppo Castionese

Copyright ©2005-2017 Scp Srl. Tutti i diritti riservati. 
Website powered by QuickPortal

powered with Quick-Portal